L’empatia è la capacità di aver fiducia negli altri e di comprenderne i sentimenti, o almeno, le loro reazioni emotive alle cose. Riguarda la nostra capacità di metterci nei panni di qualcun altro e anche se forse non abbiamo vissuto personalmente quello che sta attraversando, capiamo e anticipiamo la situazione (buona o cattiva) e riconosciamo che ci sono sentimenti e emozioni ad esso associate.

Quando l’empatia cresce, diveniamo persone migliori.

L’empatia porta a:

  • relazioni più forti e più significative
  • successo sul posto di lavoro
  • migliore salute e qualità della vita.

L’empatia è tipicamente associata all’intelligenza emotiva, perché si riferisce a un individuo che collega le sue esperienze personali con quelle degli altri. Tuttavia, alcuni modelli esistenti mirano a misurare i livelli di IE (empatia). Ci sono attualmente diversi modelli di IE. Il modello originale di Goleman può ora essere considerato un modello misto che combina ciò che è stato poi modellato separatamente come abilità IE e tratto IE. Goleman ha definito IE come la serie di abilità e caratteristiche che guidano le prestazioni della leadership.L’intelligenza emotiva è la capacità degli individui di riconoscere le proprie emozioni e le emozioni altrui, di discernere tra i diversi sentimenti e di etichettarli in modo appropriato, di utilizzare le informazioni emotive per guidare il pensiero e il comportamento, e di gestire e / o regolare le emozioni per adattarsi agli ambienti o raggiungere il proprio obiettivo (s).L’empatia è un’inclinazione, mentre l’intelligenza emotiva si sviluppa attraverso la pratica e l’immersione, la riflessione e la comprensione, l’abilità analitica e la considerazione. Uno che ha empatia ma manca di intelligenza emotiva, ha una capacità innata di essere in grado di immaginare come si sente qualcun altro, ma potrebbe non necessariamente sapere come agire correttamente su di esso per ottenere un risultato positivo.

L’intelligenza emotiva è la capacità di usare le emozioni in modo efficace e produttivo. Sta diventando sempre più chiaro che queste abilità sono una delle basi principali per prestazioni migliori nella società. Inoltre, fornisce anche la base per competenze importanti “in quasi tutti i posti di lavoro”. L’intelligenza emotiva è riconosciuta come capacità di:

  • Riconoscere e comprendere le nostre emozioni e reazioni (autocoscienza);
  • Gestire, controllare e adattare le nostre emozioni, stati d’animo, reazioni e risposte (autogestione);
  • Sfruttare le nostre emozioni per motivare noi stessi a intraprendere azioni appropriate, impegnarci, seguirci e lavorare per raggiungere i nostri obiettivi (motivazione);
  • Discernere i sentimenti degli altri, comprendere le loro emozioni e utilizzare quella comprensione per relazionarsi agli altri in modo più efficace (empatia);
  • Costruire relazioni, relazionarsi con gli altri in situazioni sociali, guidare, negoziare conflitti e lavorare come parte di una squadra.
Categorie: