Osservazione e percezione – cont.

La percezione è anche associata all’organizzazione e all’ordinazione delle impressioni sensoriali ricevute, in modo tale da non costituire esperienze caotiche, ma semplificare la nostra comprensione di ciò che ci circonda. Pertanto, la chiave è la consapevolezza e la reazione cosciente del sistema nervoso sensoriale. La coscienza è definita come conoscenza e comprensione del fatto che qualcosa sta accadendo o esiste. È un elemento importante che consente di comprendere il significato degli stimoli che colpiscono gli esseri umani.

La percezione è tra le funzioni cognitive di base e include i processi responsabili della ricezione di stimoli dal mondo esterno attraverso tutti i tipi di recettori. In questo processo si possono distinguere due fasi: la prima relativa alla ricezione degli stimoli in modo passivo (senza alcuna interpretazione) e la seconda in cui il significato è attribuito agli stimoli (usando la conoscenza e il contesto in cui è apparso lo stimolo). Si può affermare che la percezione degli stimoli è selettiva, cioè dipende dall’esperienza passata, dalla storia della vita, dai bisogni e dagli obiettivi attuali.

Nella percezione, i sensi umani svolgono un ruolo chiave, precisamente le attività a cui sono legati, in modo da consentire la formulazione delle conclusioni. Pertanto, se i sensi sono così importanti nel processo di osservazione e percezione, vale la pena dedicare loro una maggiore attenzione.

Categorie: